Cade ancora la Pallacanestro Trapani, adesso è crisi

11.03.2018 20:35 di Michele Scandariato  articolo letto 230 volte
Cade ancora la Pallacanestro Trapani, adesso è crisi

Pallacanestro Trapani – Givova Scafati 71-75 (17-15; 35-38; 51-61)

Trapani: Jefferson 17, Bossi, Renzi 12, Testa, Fontana NE, Guaiana NE, Ganeto 14, Mollura 6, Viglianisi 7, Perry 12, Simic; All. Ducarello

Scafati: Lawrence 17, Crow 6, Trapani NE, Spizzichini G. 6, Romeo 7, Ammannato 9, Pipitone, Spizzichini S. 4, Stephens 13, Santiangeli 13; All. Perdichizzi

Arbitri: Noce, Capotorto, Mottola

Brutta battuta di arresto per la Pallacanestro Trapani che gioca una pessima gara contro Scafati che vince con merito 75-71 al Pala Conad. Partita imbarazzante quella dei granata, del tutto scomparsi dal campo nel secondo tempo dopo un inizio di partita equilibrato anche se giocato a ritmi molto blandi. Poco da salvare per la squadra trapanese che ha giocato a fari spenti per 35 minuti. Anche nell’ultimo quarto, dopo che Scafati aveva toccato il massimo vantaggio (+12), nessuna reazione significativa per i trapanesi che nonostante il dominio al rimbalzo (+11) non sono riusciti mai a rientrare in partita.

Tanto equilibrio nel primo tempo, Trapani inizia bene con Jefferson preciso dalla distanza (17 punti) ma la partita non decolla. Scafati tiene bassi i ritmi e Trapani si adegua senza la giusta energia. La difesa di Scafati è asfissiante, i lunghi trapanesi restano tagliati fuori dal post basso  e la palla in attacco circola troppo lentamente. Al riposo lungo Scafati è sopra di 3 (35-38), si aspetta la reazione di Trapani ma invece vengono fuori gli ospiti che piazzano il break decisivo con un perentorio parziale di 10-0 ad inizio terzo quarto grazie a due triple di Santiangeli. Scafati scappa, Trapani non reagisce, Lawrence amministra bene il vantaggio di fine terzo quarto (51-61) anche nel quarto finale in cui non arriva la reazione dei granata che passivamente subiscono la sconfitta. Trapani si avvicina solo nell’ultimo minuto senza mai preoccupare gli avversari che chiudono sul 75-71. E adesso è crisi.