Il derby è di Agrigento, una brutta Pallacanestro Trapani cede solo all'ultimo respiro

25.03.2018 23:36 di Michele Scandariato  articolo letto 302 volte
Il derby è di Agrigento, una brutta Pallacanestro Trapani cede solo all'ultimo respiro

Fortitudo Agrigento - Pallacanestro Trapani 64-62

Agrigento: Savoca ne, Rotondo ne, Cannon 12, Evangelisti 6, Cuffaro, Williams 9, Zilli 10, Ambrosin 14, Pepe 13, Lovisotto; All. Ciani

Trapani: Jefferson 11, Bossi 13, Renzi 10, Testa, Fontana ne, Ganeto 17, Mollura, Viglianisi 1, Perry 10, Simic; All. Parente

Arbitri: Boscolo, Raimondo e Nuara

Parziali: 23-17; 39-28; 52-45;

Il derby siciliano del Pala Moncada se lo aggiudicano i padroni di casa al termine di una partita combattutissima, vinto da Agrigento 64-62 all’ultimo respiro sulla Pallacanestro Trapani. Vittoria meritata per i padroni di casa che hanno tenuto il pallino del gioco in mano per 35 minuti, brava nel finale Trapani a rientrare in partita ma poi i dettagli sono stati decisivi nei convulsi possessi decisivi con i granata che falliscono con Bossi allo scadere il canestro del possibile overtime.

Ma nella prima parte della gara troppo soft era stato l’approccio dei ragazzi di coach Parente scesi in campo troppo timorosi ed in balia della partenza sprint dei padroni di casa. Con Viglianisi a mezzo servizio per via dell’influenza e Perry subito gravato di falli i granata hanno faticato parecchio prima di entrare in partita. Il solo Ganeto nella prima frazione riusciva con alcune triple a limitare i danni, per il resto era un monologo di Agrigento, sempre con vantaggi rassicuranti, con Ambrosin e Zilli in evidenza.

Nell’ultimo quarto, però, i ragazzi di Parente, grazie alla buona difesa, ricucivano lo strappo portandosi anche in vantaggio dopo una tripla di Jefferson (ed un break di 9-0) a 6’ dalla fine (52-54). Poi partita punto a punto con tanti errori fino al canestro di Cannon che a 36” dalla fine riporta i padroni di casa sul + 3 (61-58). Sul fallo sistematico Agrigento è precisa dalla lunetta ma dopo l’errore di Pepe a 5” dal termine (64-62) Trapani avrebbe anche il tiro della possibile vittoria con Bossi che però preferisce penetrare invece di tentare la tripla ma sbaglia non trovando nemmeno il canestro dell’overtime. Vittoria meritata per Agrigento che raggiunge Trapani a quota 26 punti in classifica ma non riesce a ribaltare la differenza canestri.