Parente: "Bisogna lavorare sulla testa dei giocatori"

Le prime dichiarazioni del nuovo coach della Pallacanestro Trapani
17.03.2018 16:04 di SNT Redazione  articolo letto 65 volte
Fonte: pallacanestrotrapani.com
Parente: "Bisogna lavorare sulla testa dei giocatori"

“Quando una squadra è in difficoltà la prima cosa da fare è fermarsi e fare due passi indietro, ripartendo dalle cose che si sanno fare. Quello che ci siamo detti è che la parola chiave deve essere rispetto, per il proprio lavoro e per la società. Bisogna lavorare sulla testa dei giocatori cercando di chiarire che la cosa principale dovrà essere quella di ritrovare entusiasmo in modo che tutti riprendano le loro sicurezze. Io sono sicuro che ci sarà una reazione, magari molti, per la troppa voglia di fare, bene faranno degli errori; sarà una partita emotiva. Tortona è una squadra che sta giocando una grande pallacanestro e sta vincendo sempre con larghi scarti. Sono in fiducia e verranno qua per continuare la loro striscia vincente. La squadra è allenata molto bene con giocatori di talento a cui si sono stati aggiunti Gergati ed Alibegovic. Io sono convinto che un allenatore bravo è quello che fa il massimo con le risorse che ha a disposizione, aldilà del proprio credo cestistico. Con la società siamo stati chiari: facciamo queste sei partite e poi a fine campionato valuteremo cosa fare. La cosa più importante sarà quella di accettare gli errori dei compagni e dellallenatore, voglio vedere compattezza e aiuti reciproci, senza sbuffare o puntare il dito alla prima difficoltà. Il giocatore sfoga i propri stress in campo, per un allenatore è diverso: sarò emozionato ma molto concentrato, consapevole che i protagonisti sono e saranno sempre i giocatori”.