Trapani cade a Reggio Calabria

08.04.2018 20:23 di Michele Scandariato  articolo letto 362 volte
Trapani cade a Reggio Calabria

Viola Reggio Calabria - Pallacanestro Trapani 79-71 (21-23; 40-39; 58-52)

Reggio Calabria: Baldassarre 14, Carnovali 11, Pacher 14, Rossato 7, Fabi 8, Ciccarello ne, Taflaj, Roberts 16, Caroti 3, Benvenuti 6, Bianchi ne, Agbogan; All. Calvani

Trapani: Jefferson 14, Bossi ne, Renzi 17, Testa 3, Fontana, Guaiana, Ganeto 10, Viglianisi 13, Perry 13, Simic 1; All. Parente

Arbitri: Ursi, Longobucco e Puccini.

Vince meritatamente una buona Viola Reggio Calabria che al PalaCalafiore sconfigge la Pallacanestro Trapani scesa in campo priva di due pedine importanti come Mollura e Bossi. La squadra di coach Parente è rimasta in partita fino ad inizio ultimo quarto, poi il talento di Roberts (16 pts) ha spaccato la partita nel momento in cui Trapani, con le rotazioni limitate per via delle defezioni, è calata fisicamente. Trapani che ha subito la maggiore reattività dei padroni di casa al rimbalzo (39 vs 31) ma che è rimasta in scia tirando meglio dal campo (50% vs 39%). L’inizio era stato incoraggiante con un parziale di 10-0 in favore dei granata ma poi i padroni di casa entravano in ritmo con Pacher dominante sotto canestro (14 pt + 11 rbs) e un buon Baldassarre (14 pts ­+ 7 rbs) ex di turno, preciso anche dal perimetro. I canestri di capitan Renzi (17 pts) da sotto consentivano ai granata di chiudere avanti il primo quarto (21-23) e di rimanere in partita all’intervallo lungo (40-39). Equilibrio che non si spezza nemmeno nel terzo quarto fino allo show di Roberts che si scatena segnando 8 punti consecutivi di puro talento che danno a Reggio Calabria il primo vantaggio in doppia cifra (58-48). Renzi e Jefferson ricuciono ancora (58-52) ma sono le triple di Carnovali nell’ultimo periodo a scavare il solco decisivo portando Reggio sopra di 12 (71-59) a 5’ dal termine. I canestri di Perry servono a Trapani solo per conservare il vantaggio nello scontro diretto e per limitare il passivo fino al 79-71 finale. Sconfitta inevitabile, dunque, per i granata che pagano le assenze contro un avversario in piena fiducia che ha meritato il successo.