Calori: "Se sono qui è anche per la gente di Trapani"

 di SNT Redazione  articolo letto 59 volte
Fonte: livesicilia.it
Calori: "Se sono qui è anche per la gente di Trapani"

Le dichiarazioni dell'allenatore granata Alessandro Calori:

“Finito lo scorso anno c’è stato un attimo di pausa per tutti, per tanti motivi. Quando siamo andati a parlare col ‘Comandante’ ho detto: ‘Presidente, prima di parlare di contratti io voglio capire se voglio affrontare questa nuova avventura’. Ho riavvolto il film di questi ultimi mesi e la delusione è andato oltre il lavoro fatto. Questo mi ha dato la spinta per tornare. Io sono qui per tentare di ricostruire la squadra di lavoro ed insieme a loro cercare di formare un gruppo, nuovo per certi versi, ma che abbia motivazioni forti. E volevo capire se anche il presidente avesse questa volontà. Appurato questo, ho capito che mi sarebbe piaciuto ricreare questa situazione, io però dovevo essere convinto di voler rimanere. Questo riavvolgimento delle cose che ho vissuto qua è stato secondo me un lavoro di un’intensità che mi ha fatto capire che non potevo lasciare”.

“Ora insieme a Salvatori e Polenta dovremo trovare gente che voglia provare a riportare questa città dove merita. Non conta il peso di quanto costa un giocatore, voglio gente motivata. Stiamo lavorando già da un po’, abbiamo trovato degli elementi che secondo me potranno essere utili. Chi ha già il contratto, lo dico già da ora, rimane. Per farli andare via dovranno venire qui con delle offerte importanti”.

“Chi viene qua deve cercare di calarsi in una realtà dove l’intento è quello di raggiungere la vetta della classifica. Il nostro obiettivo è quello di fare un campionato importante. Questo non vuol dire sbandierare di volere vincere, si lavora e si cerca di trovare un gruppo di ragazzi che possa portarci in alta classifica. È una squadra che va rimodellata. Rispetto all’anno scorso l’idea di calcio non si discosterà così tanto. Serve un attaccante? È chiaro che se avessimo avuto una punta che faceva gol saremmo stati stratosferici, visto che siamo stati il miglior attacco del girone di ritorno. Poi dipende dalle caratteristiche dei giocatori e del girone, perché dovessimo essere nel girone del Sud avremo bisogno anche di fisicità. Bisogna trovare comunque un gruppo che abbia un’idea chiara di ciò che si vuol fare”.

“Se sono qui è anche per la gente di Trapani. Quando ho riavvolto il film ci ho messo la corsa contro il Pisa e l’emozione di un gruppo di tifosi che ci ha seguito anche quando avevamo 12 punti e ci è stato vicino. Queste sono cose che vanno al di là del calcio e io sono anche un po’ un romantico e certe cose le peso, quindi non ho bisogno di chiedere. So che i trapanesi seguiranno sempre con passione e amore questa squadra. Sono qui per dire ‘ricominciamo e iniziamo questa avventura’ cercando di costruire una squadra che ci porti dove tutti vogliamo”.