Con un secondo tempo sontuoso il Trapani coglie il primo successo esterno

 di Michele Scandariato  articolo letto 838 volte
Pagliarulo doppietta per lui
© foto di Federico Gaetano
Pagliarulo doppietta per lui

Juve Stabia- Trapani 1-3

JUVE STABIA (4-3-3): Branduani 6,5, Morero 6, Nava 5,5, Redolfi 5,5 (1’st Allievi 6), Crialese 6 (13’st Paponi 5,5); Matute 6 (20’st Awua 5,5), Mastalli 6,5, Calò 6 (60’ Berardi 6); Canotto 5 (13’st Bachini), Simeri 6,5, Lisi 5. All. Ferrara

TRAPANI (4-3-3): Furlan 6, Pagliarulo 8, Taugourdeau 6 (31’st Steffè 6), Ferretti 6 (1’st Murano 7,5), Evacuo 6 (31’st Reginaldo 6), Fazio 6, Silvestri 6, Maracchi 6, Palumbo 6,5 (19’st Bastoni 6), Visconti 6, Marras 6,5. All. Calori

ARBITRO: Alessandro Prontera di Bologna;

RETI: Simeri (r) 28’, Pagliarulo 9’st, Pagliarulo 12’st, Murano 27’st
NOTE: Ammoniti Morero (Juve Stabia ), Furlan (Trapani); Recuperi: 1’pt-4’st; Corner: 2-5

Con un secondo tempo sontuoso il Trapani vince in rimonta sulla Juve Stabia cogliendo il primo successo esterno stagionale al "Pinto" di Caserta. Un Trapani dai due volti, abulico e impacciato nella prima frazione di gioco, in cui i granata venivano puniti da un calcio di rigore, procurato e realizzato da Simeri al 27’, arrembante e propositivo nella ripresa, quando con l’inserimento del secondo attaccante, Jacopo Murano, i granata ribaltavano il risultato segnando tre gol e legittimando il risultato creando gioco e diverse altre occasioni da rete. Decisivo capitan Pagliarulo che con una doppietta in fotocopia in tre minuti, al 54’ ed al 57’, sugli sviluppi di corner calciati da Palumbo, trovava le zampate vincenti sul secondo palo ribaltavando l’esito della gara. Bravo anche Murano, il cui innesto, come detto, si è rivelato decisivo per cambiare l’inerzia della partita, a segnare il gol della sicurezza al 72’ sfruttando un’ottima azione del folletto Marras. Partita, dunque, dominata dai trapanesi nella ripresa ma quanta fatica nella prima parte di gara in cui l’atteggiamento attendista dei padroni di casa veniva premiato dall’errore di Silvestri che con un’entrata scomposta stendeva in area Simeri, freddo poi dal dischetto a spiazzare Furlan. Un Trapani che stentava a reagire, pericoloso solo nel finale del tempo quando Maracchi da due passi non riusciva a mettere in rete l’assist di Ferretti. Nella ripresa, invece, la metamorfosi granata che con la seconda punta in campo ed approfittando del calo dei padroni di casa, cominciavano a macinare gioco sfiorando il gol proprio con Murano che sprecava l’assist di Marras. Poi, come detto, la doppietta di capitan Pagliarulo e la zampata di Murano a suggellare un secondo tempo perfetto in cui i granata sfioravano più volte la quarta marcatura ancora con Murano e Pagliarulo. Una vittoria fondamentale per i granata che è anche una grossa iniezione di fiducia per il prosieguo del torneo.