Quarto successo consecutivo per il Trapani corsaro a Catanzaro

 di SNT Redazione  articolo letto 74 volte
Quarto successo consecutivo per il Trapani corsaro a Catanzaro

Catanzaro - Trapani 1 - 2

CATANZARO (4-3-3): Nordi 6; Zanini 5,5 (46' Spighi 5.5), Gambaretti 6 (79' Sabato sv) , Nicoletti 5.5 (71' Corado 5), Riggio 6; Onescu 6, Maita 5.5, Marin 6; Falcone 5.5, Infantino 6, Puntoriere 5.5(46' Letizia 5, 83' Valotti sv). All. Pancaro 5.5

TRAPANI (3-5-2): Furlan 6,5; Fazio 6, Silvestri 6, Drudi 6,5; Marras 6 (88' Visconti sv), Scarsella 6, Corapi 6 (82' Steffé sv), Palumbo 6.5, Rizzo 5.5; Evacuo 6, Polidori 6 (79' Murano sv). All. Calori 6.5

ARBITRO: Meraviglia di Pistoia 5

MARCATORI: Polidori 40’, Infantino (R) 52' , Evacuo 57'

NOTE: Spettatori 3.196;  Espulso: al 59' Evacuo (T) per doppia ammonizione. Ammoniti: Marin, Gambaretti (C), Evacuo (T); angoli 9-6 ; recupero tempo : pt 1' ; st 5'

Quarta vittoria consecutiva per il Trapani che conferma il momento d'oro dei granata più che mai lanciati alla rincorsa di Lecce e Catania. Prova arcigna dell'undici di Calori che senza badare troppo al sodo gioca di sciabola con il solo intento di portare a casa l'intera posta in palio. A conferma anche dell'ottimo momento della squadra, sia sotto il profilo tecnico tattico che di affiatamento del gruppo, il fatto di non aver troppo sofferto dell'espulsione di Evacuo, che non ha portato troppi scompensi ai siciliani, segno di una maturità che fa ben sperare per il futuro. Insomma un Trapani cinico e concreto che anche contro una formazione assetata di punti, che aveva cambiato allenatore da pochi giorni, non arretra confermando di essersi pienamente calata nella realtà della serie C in vista della volata finale del torneo. L'undici di Calori al contrario di altre partite non ha avuto scompensi tra un tempo e l'altro mantenendo una condotta di gara abbastanza uniforme, che a parte in paio di situazioni non ha mai rischiato. La cronaca. Fino al 17' è il Catanzaro a fare la partita mentre i granata attendono che i locali si sfoghino . Così nel primo quarto d'ora sono tre le occasioni per i giallorossi con Onescu, Infantino e Falcone. Il Trapani ribatte in contropiede e al 20' sfiora il vantaggio con Palumbo anticipato da un difensore avversario. Al 23' il Catanzaro va vicinissimo alla rete con Nicoletti che da posizione vantaggiosa manda alto. Verso la fine del tempo il Trapani improvvisamente si accende. Prima Scarsella viene steso clamorosamente in area a due passi dalla porta sull’ottimo cross di Rizzo ma l’arbitro sorvola. Poi è Nordi che in volo respinge una conlcusione al volo di Marras. Sul conseguente calcio d’angolo, al 40', il Trapani passa: calcio d'angolo di Corapi, palla spizzicata da Silvestri che finisce a Polidori che è lesto a segnare la rete del vantaggio,  la sua prima personale in maglia granata . Nella ripresa il Catanzaro si getta in avanti a testa bassa alla ricerca del pari che arriva al 52' con Infantino che segna dopo un calcio di rigore quantomeno discutibile causato da Silvestri su Letizia. I granata non si fanno condizionare e dopo sette minuti ripassano in vantaggio con Evacuo che dopo avere superato come birilli tre difensori con un colpo da biliardo spiazza Nordi. A quel punto il Trapani gestisce l'incontro e nonostante l'inferiorità numerica dovuta all'espulsione di Evacuo non rischia piu' nulla fino alla fine se non all’ultimo minuto di recupero per un rimpallo in area. Trapani che conquista la sua quarta vittoria consecutiva, la quinta in sei partite, che agguanta il Catania al secondo posto e si porta a -7 dal Lecce con una partita in meno.

Piero Salvo