Sfuma la finale di Coppa, granata battuti 2-1 dalla Viterbese nel ritorno della semifinale

11.04.2019 00:22 di Michele Scandariato   Vedi letture
Mastay al tiro
Mastay al tiro

Trapani-Viterbese 1-2

TRAPANI (4-3-3): Ferrara 5;, Costa Ferreira 6,5 (58’ Lomolino 6); Scognamillo 6 (46’Da Silva 6), Mulè 6, Ramos 5,5; Toscano 6,5, Corapi 5,5 (65’ Aloi 6), Fedato 5, Tulli 5,5 (58’ Tolomello 5), N’Zola 5 (51’ Ferretti 5,5), Mastay 5;  All. Italiano

VITERBESE (3-4-2-1): Thiam 6; Atanasov 6,5, Coda 6, Rinaldi 6 (80’ Coppola sv); De Giorgi 6,5 (80’ Molinaro sv), Damiani 6,5, Palermo 6, Mignanelli 7 (64’ Sperandeo 6); Vandeputte 5 (56’ Cenciarelli 6), Pacilli 7,5 (80’ Artioli sv); Bismark 6,5; All. Calabro.

ARBITRO: Meraviglia, assistenti Garzelli e Nuzzi
 

MARCATORI: 35’ Costa Ferreira, 45’ Mignanelli, 59’ Pacilli

NOTE: Spettatori 1.805 per un incasso di € 8.335,50; espulso Ferrara (TP) all’86’; calcio d’angolo 1-5; recupero: 1+4

La Viterbese espugna meritatamente il Provinciale nella gara di ritorno della semifinale di Coppa Italia e  raggiunge il Monza in finale battendo per 2-1 i granata, bissando il successo per 1-0 della gara di andata. Seconda sconfitta consecutiva per il Trapani di mister Italiano, dopo la dolorosa sconfitta di domenica scorsa a Castellammare di Stabia. Un gran gol di Costa Ferreira al 35’ del primo tempo aveva illuso i padroni di casa ma gli ospiti, proprio allo scadere del tempo, trovavano il gol del pareggio grazie a Mignanelli che infilava Ferrara in uscita su un geniale colpo di tacco di Rinaldi. Il gol cambiava completamente la partita perché a quel punto i granata, che non avevano demeritato fino a quel momento, non trovavano più la forza per ribaltare l’esito dell’incontro. Un eurogol dell’ex granata, Mario Pacilli, che al 59’ coglieva Ferrara colpevolmente fuori dai pali segnando un gol capolavoro da 30 metri, chiudeva definitivamente la partita che forse i granata non hanno affrontato con la giusta determinazione. Meglio gli ospiti che anche in svantaggio ci avevano sempre creduto, sfiorando il pareggio con Vandeputte. Nella ripresa, dopo il gol di Pacilli, non c’è stata più storia, con i granata incapaci di costruire pericoli per la porta di Thiam. Nel finale Trapani in 10, per l’espulsione all’86’ del portiere Ferrara, uscito con le mani fuori dall’area per salvare su Palermo lanciato a rete. In porta Aloi che si faceva applaudire quando volava all’incrocio per salvare sulla conclusione a giro di Molinaro. Era l’ultimo squillo prima della fine che sanciva il successo degli ospiti che contenderanno al Monza la finale di Coppa Italia.