Pallavolo B-1 Femminile. Domenica trasferta insidiosa per la Sigel

04.11.2016 17:50 di Piero Salvo   Vedi letture
Pallavolo B-1 Femminile. Domenica trasferta insidiosa per la Sigel

Difficile trasferta di Aprilia domenica alle 16,30 per la Sigel Marsala. Contro una squadra costruita per vincere, ma che ha incredibilmente stentato fino a oggi. La squadra laziale sabato scorso ha respirato, andando a espugnare il campo del fanalino di coda P2P Baronissi. Piazzandosi adesso, con quattro punti, in una “più tranquilla” posizione di medio-bassa classifica. Una vittoria, quella della compagine laziale, ottenuta al termine di una gara più combattuta di quanto non dica lo 0-3 finale. Che viene smentito dai parziali risicati (20-25/24-26/24-26) che hanno dato senso all’incontro. Un roster comunque, quello di coach Tonino Federici, che annovera atlete d’indubbio valore. Che confermano i pronostici, ma smentiscono l’attuale piazzamento non certo onorevole. In primis la centrale Viviana Corvese (classe 1987), con esperienza da vendere maturata sui campi di serie A con le divise di Roma, Chieri e Pavia. Lo scorso anno grande protagonista della promozione in B1 della Volley Group, ritorna quest’anno nella società pontina dove aveva già militato nella stagione 2013/14. Poi le altre centrali Veronica Guidozzi, ex Maglie, ma già in A1 col Novara, e Marta Borghini, rientrata dopo la stagione in B2 a Minturno. In palleggio la squadra laziale presenta Eleonora Gatto, riconfermata, ex Todi,  e Margherita Muzi, cresciuta nel Casal de’ Pazzi. Dopo diverse stagioni disputate nel Volley Friends come attaccante di banda, da oltre due anni è diventata palleggiatrice. Molto valido il “set” delle schiacciatrci. A partire da Deborah Liguori, che ha alle spalle tanti tornei in A con Santa Croce, Vigna di Valle e Frosinone. Quindi le riconfermate Roberta Borelli e Martina Kranner, ex Volley Group anche lei. L’opposto è un’altra veterana di questi tornei, anche lei ad Aprilia la scorsa stagione: Caterina Gioia, classe 1992, 1,83 d’altezza. Dopo l’avventura in serie A2 in quel di Frosinone, ha giocato in B a Chieri e Pesaro. Per poi tornare in A2 a Piacenza. Infine il libero, che è Martina Lorenzini, giunta quest’estate da Terracina, lo scorso anno in B1. Una partita difficilissima, quindi. Un’ulteriore esame anticipato per la squadra marsalese. Va comunque sottolineato che qualunque risultato dovesse produrre, la sfida di domenica sarà soltanto un ulteriore passo verso quella crescita che possa portare a una sorta di perfezione. Arma importantissima, quasi una polizza d’assicurazione, per un torneo ancora lunghissimo. E, come già detto altre volte, figlio di un equilibrio che, statene certi, sarà spezzato solo strada facendo. Sicuramente il più in là possibile. Però, ci verrebbe anche da pensare in forma augurale, che il primato solitario della Sigel qualcosa vorrà pur dire. Anche agli albori di questa stagione. Anche in una fase confusa e sicuramente schiva ai pronostici. L’importante, per adesso, è mettere fieno in cascina. Il che, tradotto in gergo, vuol dire vincere il più possibile. Anche e soprattutto lontano dalle mura amiche.